Dizionario della sposa

Tutto ciò che riguarda il tuo matrimonio dalla A alla Z

A di Anello

L'anello di fidanzamento per eccellenza è sicuramente il diamante. Impariamo a distinguerne caratteristiche e forma per capire quale si addice maggiormente alla nostra personalità ...

Caratteristiche

  • Cut: il taglio che conferisce alla pietra, che fino ad allora si trovava allo stato grezzo, la brillantezza che esalta a seconda del taglio appunto che ad essa viene dato; esso può essere a brillante (il più classico), a gradini o misto.
  • Carat: il peso che si misura appunto in carati.
  • Color: il colore che, anche se nella maggior parte delle pietre è generalmente giallo o marrone, ne esistono anche di verdi, blu o rosse fino alle più rare incolore.
  • Clarity: la purezza del diamante che, meno imperfezioni contiene, più è prezioso.

Forma

  • Tondo: è ideale per una donna che ama le tradizioni e rifugge mode e tendenze del momento, che cerca stabilità ed equilibrio interiore, in armonia con il mondo che la circonda.
  • Ovale: perfetto per una donna equilibrata, dal temperamento mite ...
  • Quadrato: è perfetto per una donna razionale, sicura di sé, determinata a raggiungere obiettivi precisi, con un approccio sempre positivo.
  • A smeraldo: la scelta migliore per una donna dal gusto classico.
  • A cuore: per una donna particolarmente sensibile, romantica, capace di tenerezza e materna.
  • A goccia: ideale per una donna dal temperamento marcatamente artistico e creativo.
  • Navette o Marquise: è la scelta più appropriata per una donna versatile e poliedrica, vivace e capace di cogliere le mille sfaccettature della realtà.

Oltre il diamante ecco le altre pietre preziose ...

  • Acquamarina: è una pietra augurale, propiziatrice di un matrimonio felice e duraturo.
  • Ambra: è il simbolo dell'amore virtuoso.
  • Andalusite: riconquista l'amore perduto e protegge i fidanzamenti a rischio.
  • Berillo: rafforza il sentimento e rende il legame più saldo.
  • Cristallo di rocca: preserva la giovinezza e dona bellezza.
  • Malachite: infonde felicità, salute e ricchezza nel rapporto di coppia.
  • Opale: simboleggia l'amore puro e sincero.
  • Pietra di luna: chi la possiede ha successo in amore.
  • Rubino: simboleggia l'amore passionale e duraturo, ma è anche la pietra del potere e del successo.
  • Smeraldo: alimenta la speranza di un grande amore e rafforza il successo.
  • Zaffiro: traduce il concetto di fedeltà nell'amore.

F di Fiori

Ecco il significato simbolico dei principali fiori:

  • Agrifoglio: la sposa d'inverno dovrebbe scegliere un ramo di questa pianta altera, che rappresenta la difesa, la forza e l'eternità.
  • Amaranto: amore costante, fedele e immortale.
  • Anemone: nei tempi antichi al “fiore del vento” venivano attribuite proprietà medicamentose contro le difficoltà in amore.
  • Azalea: sincerità.
  • Calla: il fiore della bellezza.
  • Dalia: riconoscenza e buon gusto.
  • Edera: le sue foglie parlano di fedeltà, amore costante ed esclusivo.
  • Felce: sincerità.
  • Fior di pesco: amore immortale, dedizione totale.
  • Fiore d'arancio: simbolo della fecondità (una sola pianta produce fino a quarantamila fiori in un anno).
  • Fior di borragine: amore allegro.
  • Fresia: questo fiore, arrivato dall'Africa del Sud, mantiene il fascino del “mistero”.
  • Gardenia: simpatia.
  • Gelsomino: fortuna e denaro alla coppia; se giallo, grazia ed eleganza.
  • Girasole: allegria e orgoglio, ma anche amore adorante.
  • Iris: in generale esprime novità piacevoli; se giallo, passione ardente.
  • Lillà: primo amore.
  • Margherita: innocenza, freschezza, candore.
  • Melograno: amore ardente; il frutto: fertilità e ricchezza.
  • Mimosa: amore platonico.
  • Mirto: pianta sacra di Venere; dona energia, vigore e potenza nell'amore.
  • Mughetto: ritorno della felicità.
  • Palma: vittoria.
  • Papavero: serenità, sogni felici.
  • Primula: giovinezza, primo amore.
  • Rosa: dolcezza, dolore, gioia, gloria e umiltà.
  • Tulipano: dichiarazione d'amore.
  • Violetta: umiltà, onestà.
  • Zinnia: semplicità.

S di Sposa

Certamente con il suo abito è la protagonista dell'evento. Ecco quindi le linee guida per districarsi tra la scelta dei tessuti giusti.

  • Batista: tessuto di lino e cotone estremamente sottile, quasi trasparente.
  • Broccato: tessuto in seta pesante, caratterizzato da una particolare lavorazione a motivi in rilievo.
  • Cady: crespo a lavorazione sottile in seta o lana.
  • Canetté: tessuto a coste sottili, solitamente utilizzato per rifinire.
  • Chiffon: seta trasparente a velo.
  • Crepe: tessuto in lana o seta realizzato con filati molto ritorti.
  • Crépon: particolare tipo di crespo.
  • Drap: tessuto in lana pettinata, lucido e morbido.
  • Flanella: tessuto piuttosto pesante, dalla superficie garzata.
  • Fresco di lana: tessuto molto resistente, ma leggero e piacevolmente termico.
  • Gabardine: tessuto in lana molto sottile.
  • Georgette: crespo di seta leggero e trasparente, che crea un effetto morbido e cascante.
  • Jacquard: lavorazione particolare per un tessuto sostenuto.
  • Moiré: tessuto con effetti cangianti e ondulati.
  • Organza: seta leggera e trasparente, dai fili finissimi.
  • Ottoman: tessuto pettinato, che può essere in lana o seta.
  • Oxford: tessuto di cotone che presenta in superficie piccoli rombi o quadretti.
  • Plumetis: tessuto con piccoli punti ricamati a rilievo.
  • Raso: tessuto in cotone o seta dalla superficie lucida.
  • Seta: fibra tessile naturale, elastica, morbida e lucente.
  • Shantung: tessuto in seta caratterizzato da fiammature superficiali irregolari.
  • Taffetà: tessuto liscio in seta, quasi rigido.
  • Tropical: tessuto di lana estivo pettinato, operato e in tinta unita.
  • Tulle: rete di seta fine e leggera, velata.
  • Velo: tessuto leggerissimo realizzato in fibre naturali o artificiali.
  • Voile: tessuto in seta, cotone e lana, molto leggero e trasparente.

E se preferite il pizzo ...

  • Leavers: pizzo caratterizzato da un disegno a molteplici sfumature di trame e rilievi, le cui origini sono legate all'ideatore di un particolare telaio utilizzato per realizzarlo, Lord Leavers. Il Leavers, se arricchito da un bordonnette a rilievo, prende il nome di “dentelle rebrodée”.
  • Pizzo Chantilly: pizzo di seta a tombolo, prende il nome dalla cittadina francese nella quale viene tradizionalmente lavorato.
  • Pizzo Macramé: pizzo pesante eseguito a mano.
  • Pizzo a Tombolo: pizzo che si ottiene con una speciale tecnica di lavorazione, utilizzando un grosso cuscino dalla forma cilindrica, tonda, o a minicotto, chiamato tombolo, usato per l'esecuzione della trina a fuselli. Il pizzo o merletto a tombolo si ottiene con la manipolazione di numerosi fili, ognuno dei quali è connesso a un fusello, lavorati attorno a spilli infilati nel disegno di carta, appoggiato sulla superficie di un cuscino.
  • Pizzo di Bruxelles: merletto ad ago realizzato in molte località del Belgio, contraddistinto da un particolare disegno ornato di fiori e di foglie.
  • Pizzo di Burano: pizzo caratterizzato da un motivo circolare sul quale vengono realizzati disegni floreali. Prodotto artigianale tipico dell'isola di Burano, noto anche come pizzo veneziano.
  • Pizzo di Honiton: pizzo prodotto nella città omonima nel sud della Gran Bretagna, caratterizzato da motivi floreali e da una struttura a rete a macchie o puntini.
  • Pizzo Sangallo: pizzo di cotone o di lino traforato, tipico dell'omonima cittadina svizzera.
  • Raschel: pizzo dal disegno estremamente semplice, dall'effetto poco definito.
  • Valenciennes: merletto o pizzo realizzato principalmente in lino, originario della città francese omonima.
Albums
nozze black&white
nozze black&white
The best of...
The best of...
25 anni d'amore
25 anni d'amore
Un matrimonio coi
Un matrimonio coi "Fiocchi"
Christmas wedding
Christmas wedding
Colazione da Ferrante
Colazione da Ferrante
Le nozze nel segno del destino
Le nozze nel segno del destino
Andrea+Brigida
Andrea+Brigida
Fissa un appuntamento
Invia